Dubbi o necessità di chiarimenti?

  Mauro Antonio Buzzoni

 

 

Segnalazioni legislative 1° semestre 2006

 

 

D.Lgs. 6/04/2006 n 193 Codice comunitario medicinali veterinari

 

 

18 Ottobre 2005

UNPISI è presente al convegno su

”influenza aviaria: quali i rischi reali

per l’Italia e l’Europa? “

 

Il nostro Presidente assieme ad una delegazione della Segreteria nazionale UNPISI è intervenuto ed ha presentato una relazione al convegno sull'influenza aviaria.

Hanno avuto l'onore di conferire con il Ministro della Salute On. Francesco Storace, con la Senatrice Rossana Boldi, con l'On. Prof. Domenico Di Virgilio, con l'On. Gabriella Carlucci.

 

Materiale

 

 Resoconto della giornata

 Comunicato stampa ufficiale

 Testo dell'intervento del Presidente

 Lettera al Ministro della Salute

 Ringraziamento al Consigliere del Presidente

 Presentazione con le fotografie della giornata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La ASS6 del Friuli Occidentale ha pubblicato

"Booksei" - Manuale sulla zootecnia

di seguito sono riportate alcune informazioni relative all'opera e come fare per riceverla


 
Documenti - on line"Booksei" - Manuale sulla zootecnia
 

 
Zootecnia
 
Numero : 2
 
Argomento : Qualità nella progettazione degli impianti
 
A cura di : Bruno Tassan Chiaret e Enzo Re
 
Anno : 2004
 
Copertina :    Copertina BOO.SEI n. 2 zoot.pdf

 
Prima pagina :    prima.pdf

 
Autori :    autori.pdf

 
Sommario :    sommario.pdf

 
Informazioni sul documento : Il manuale:”Zootecnia – Qualità nella progettazione degli impianti” è disponibile anche in formato cd e fino ad esaurimento; potrà essere inviato in tutta Italia al costo di Euro 6 più le spese del contrassegno postale.
E’ disponibile direttamente presso la sede dell’A.S.S. n. 6, contattando il TdP Bruno Tassan Chiaret al 0434/369831 ore ufficio o scrivendo allo stesso al seguente indirizzo e-mail. bruno.tassan@ass6.sanita.fvg.it La consegna avverrà con l’esibizione del giustificativo del versamento di Euro 6 sul c/c postale n. 10058592 intestato al Servizio di Tesoreria dell’A.S.S. oppure sul c/c bancario aperto presso UNICREDIT BANCA SPA – Tesoreria A.S.S. 6 via Mazzini – Pordenone; specificando in tutti i casi la seguente causale:”Rimborso spese manuale sulla zootecnia”
Coordinate bancarie : Azienda per i Servizi Sanitari n.6 Friuli Occidentale - Pordenone
IBAN IT29
CIN R
ABI 02008
CAB 12510
N. DI C/C/B 000002845354
 

 

 

 

Gli autori Bruno Tassan e Enzo Re sono disponibili

per partecipare a iniziative formative in materia

Scrivi per contattarli

 

 

La ASS6 del Friuli Occidentale ha pubblicato

"Booksei" - Vademecum - Mangimi

di seguito sono riportate alcune informazioni relative all'opera e come fare per riceverla

 

Documenti - on line"Booksei" - Vademecum
 

 
Mangimi
 
Numero : 1
Argomento : Mangimi -Guida pratica per addetti ai lavori.
A cura di : Bruno Tassan Chiaret e Enzo Re
Anno : 2001
Scarica documento :    Mangimi.pdf

 

 

 

Flash

 

Trasporto animali, l'Unione europea vuole più comfort

Il Consiglio dell' Unione europea ha approvato la proposta di regolamento per garantire la salute degli animali soggetti al trasporto su lunga distanza.
Per tutte le specie sarà consentito un viaggio massimo di 9 ore, cui dovrà seguire un minimo di 12 ore di riposo. Specifici i comfort da assicurare agli animali durante il trasporto. Disposizioni particolari garantiranno una tutela "ad hoc" per animali giovani e gravidi. Inasprite le pene per i trasgressori, che potranno perdere l'autorizzazione all'esercizio dell'attività.

---------------------------------

No all'utilizzo di rifiuti nei mangimi

È vietata la circolazione o l'impiego nei mangimi di rifiuti urbani solidi, come i rifiuti domestici. Lo ha stabilito la commissione europea con la decisione 2004/217.

Il provvedimento ha infatti sancito l'impossibilità di utilizzare nei mangimi i rifiuti ottenuti nel corso del processo di trattamento delle acque reflue urbane, domestiche e industriali, senza tenere conto dell'ulteriore trattamento di questi rifiuti e dell'origine delle acque reflue; ha inoltre vietato l' utilizzo dei rifiuti solidi urbani come i rifiuti domestici, esclusi i rifiuti di ristorazione (regolamento 1774/2002) e gli imballaggi e parti d'imballaggio provenienti dai prodotti dell'industria agroalimentare.

---------------------------------

 

Luna park: è vietato offrire animali in premio

E' legittima la delibera del Comune di Milano che vieta ai luna park di offrire animali in premio o in omaggio. Una sentenza del Consiglio di Stato dello scorso 27 settembre ha infatti riconosciuto agli enti locali, e dunque anche ai Comuni, la competenza  ad adottare i provvedimenti necessari a prevenire fenomeni di sfruttamento e abbandono di animali. Questa sentenza si uniforma all'orientamento della Suprema Corte di Cassazione, che ha stabilito infatti che "gli animali, anche se utilizzati per il lavoro, devono essere tenuti nel rispetto delle leggi naturali e biologiche, assicurando che intorno ad essi sussistano condizioni che non superino determinati limiti o soglie di dolore" (Cass. 22/10/1992).

---------------------------------

 

01 – b)  PRINCIPI RELATIVI AI CONTROLLI UFFICIALI NEL SETTORE DELL’ALIMENTAZIONE ANIMALE – PROGRAMMA COORDINATO DI ISPEZIONE PER L’ANNO 2004

 

            Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea n.L 52 del 21  febbraio 2004 è stata pubblicata la raccomandazione della Commissione n.2004/163/CE del 17/2/2004 sul programma coordinato di ispezione nel settore dell’alimentazione animale per l’anno 2004. La raccomandazione prevede, tra l’altro, controlli sulla concentrazione  di micotossine nei mangimi, indicando i metodi di analisi e di campionamento.

P.Iodice

 

 

Quesiti e risposte

 

 

Quesito: Egregio collega, sono un tecnico del Dipartimento di Prevenzione e ho in corso una verifica presso un allevamento di galline ovaiole. A tal proposito vorrei sapere quali sono le modalità di smaltimento della pollina e lo smaltimento delle ceneri derivanti dalla combustione delle galline.

Gradirei conoscere altresì quali autorizzazioni devono essere esibite.

 

Risposta: Egregio Collega,  scusa se ti rispondo in ritardo, ma, come avrai saputo dal sito, a causa di un guasto sul cavo terrestre verificatosi nel mio quartiere, sono stato isolato telefonicamente per un paio di settimane circa.

Veniamo al quesito.

Mi sono informato presso l’Ufficio ARPA di Fidenza e mi hanno confermato che le modalità di smaltimento della pollina sono analoghe a quelle delle altre deiezioni animali, provenienti da attività di produzione agricola primaria, ovvero è possibile prevedere il loro impiego quali ammendanti/fertilizzanti, spandendoli su di un terreno agricolo in quantitativi che non siano tali da farli rientrare in una attività inseribile nell’ambito degli smaltimenti.

Tale pratica agronomica, adottata da tempo nella normale attività agricola, deve essere debitamente autorizzata, tenendo conto di tutti i fattori che la caratterizzano e la relativa richiesta deve essere inoltrata a firma del titolare dell’allevamento di che trattasi, che dovrà allegare una planimetria, con i relativi riferimenti catastali, dei terreni che saranno oggetto dello spandimento e sui quali non dovrà essere superato il quantitativo massimo di peso vivo allevabile per ettaro.

Per quanto concerne le ceneri derivanti dalla combustione delle galline esistono due possibilità: o si procede alla loro smaltimento in discariche autorizzate per la tipologia dei rifiuti di che trattasi, oppure si può ipotizzare il loro utilizzo come (ancora una volta) fertilizzanti/ammendanti del potere nutritivo del terreno. In quest’ultimo caso, trattandosi di una pratica di recente introduzione nel contesto della pratica agronomica, occorre anche “dimostrare” che il loro apporto al terreno sia effettivamente utile alla produzione agricola e non sia assolutamente configurabile come puro e semplice metodo di smaltimento e che il loro impiego non presenti rischi per la salute pubblica e/o per le colture interessate.

Spero di avere risposto al tuo quesito e resto a disposizione per ogni evenienza.

Cordiali saluti.

Carlo Oriani

Ufficio Tecnico Giuridico

U.N.P.I.S.I.

 

 

 

Aree di lavoro tdp           Home Page